Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Intermezzo

E alla fine non era mai abbastanza, i tuoi riccioli d’oro non erano abbastanza, le scarpe con le macchie di dentifricio, le spalle larghe che “stanno arrivando”, le piccole rughe ai lati degli occhi quando sorridevi, gli allucinogeni, il disgusto per te stesso, il culto di te stesso, un sacco di cose sbagliate, un sacco di idee castrate, avercene di idee così, pensavo fra me e me, ma non capivo mai chi le pensasse queste cose, ero io? Eravate voi? Lui? Il dio dell’universo? La fata turchina? O magari la zingara degli scalini di Pesaro a cui avevo regalato una moneta lo scorso mese, era questa la vera fortuna? Non avere mai chiaro nulla, questo continuo prendere, arraffare, per compiacersi di aver vissuto qualcosa che assomigliava ad una ridicola corsa sui trampoli, i miei dovevano essere quelli dell’ultimo scaffale, quelli con il bollino del prezzo più basso, si erano rotti quasi subito ma io facevo in modo di farli andare comunque, il come e il perché erano quasi irrilevanti, se c’è …

Ultimi post

Lo scorrere del tempo - un mese di assenza

BeAnalogic Mag - Il web magazine della fotografia analogica

Fermare il tempo con lo smartphone - intervista a Manpreet

Giovanni Conelli- Di viaggio, di fiori e di altre spine

molotov a colazione

Trame d'assenza - Davide Uria

intervista a Massimiliano Calamelli

Calendula - Instant Project n°0

Studio d'arte - l'incontro con Jutta Motzko

intervista a Giovanni Conelli

Follow by Email